Ultima modifica: 9 Giugno 2020

PROTOCOLLO PER L’ORGANIZZAZIONE E LO SVOLGIMENTO IN SICUREZZA DEGLI ESAMI CONCLUSIVI DI STATO 2019/2020

Soverato,03 giugno 2020

Ai docenti Agli studenti

Al personale ATA

Al DSGA

PROTOCOLLO PER L’ORGANIZZAZIONE E LO SVOLGIMENTO IN SICUREZZA DEGLI ESAMI CONCLUSIVI DI STATO 2019/2020

Visto                       il Documento tecnico sulla rimodulazione delle misure contenitive nel settore scolastico per lo svolgimento dell’esame di stato nella scuola secondaria di secondo grado;

Tenuto conto         del Documento tecnico sulla possibile rimodulazione delle misure di contenimento del contagio da SARS-CoV-2 nei luoghi di lavoro e strategie di prevenzione, adottato dal Comitato Tecnico Scientifico (CTS) e pubblicato dall’INAIL (Inail 2020);

  Sentito                    il R.S.P.P.;

Sentito                    il medico competente;

Valutati                  tutti gli elementi relativi all’ IPSSEOA di Soverato (CZ) (edifici, personale, studenti, ecc…);

Si forniscono le indicazioni operative per l’organizzazione dell’esame di Stato. A tali indicazioni tutti debbono attenersi, compresi i membri di commissione e i loro presidenti

Collaboratori scolastici.

In via preliminare, nei giorni dal 03 al 14 giugno i collaboratori scolastici puliranno approfonditamente tutti i locali dell’Istituto e in particolare i locali destinati all’effettuazione dell’esame di Stato, ivi compresi androne, corridoi, bagni, uffici di segreteria e ogni altro ambiente che si prevede di utilizzare per l’esame di stato secondo un piano di lavoro predisposto dal DSGA.

Successivamente dalla data di insediamento della Commissione le operazioni di pulizia dovranno essere effettuate quotidianamente. La pulizia sarà approfondita ed effettuata con detergente neutro di superfici.

Alle quotidiane operazioni di pulizia dovranno altresì essere assicurate dai collaboratori scolastici, al termine di ogni sessione di esame (mattutina/pomeridiana), misure specifiche di pulizia delle superfici e degli arredi/materiali scolastici utilizzati nell’espletamento della prova. La pulizia sarà approfondita ed effettuata con detergente igienizzante specifico per superfici con alcool almeno al 70% ad ogni contatto sospetto e, in ogni caso, almeno 1 volta al giorno.

Verranno pulite frequentemente le superfici più toccate: maniglie e barre delle porte, delle finestre, sedie e braccioli, tavoli, interruttori della luce, corrimano, rubinetti dell’acqua, ecc… con detergente igienizzante specifico per superfici con alcool almeno al 70% ad ogni contatto sospetto e, in ogni caso, almeno 1 volta al giorno.

La pulizia dei bagni, lavandini e servizi igienici, deve essere eseguita con cura ogni volta che vengono utilizzati. Verrà utilizzato lo stesso detergente sopra richiamato. Considerare l’uso di un disinfettante efficace contro virus, come le soluzioni a base di ipoclorito di sodio allo 0,1% di cloro attivo o altri prodotti virucidi autorizzati seguendo le istruzioni per l’uso fornite dal produttore.

Verranno igienizzati i pavimenti la mattina e il pomeriggio, compresa la pulizia a fine sessione, con detergente igienizzante a base di cloro stabilizzato. Il personale impegnato nella pulizia ambientale deve indossare i dispositivi medici e i DPI durante le attività di pulizia (guanti e mascherina ed eventuali altri dispositivi necessari). Il materiale di pulizia deve essere adeguatamente pulito alla fine di ogni sezione di pulizia. L’igiene delle mani deve essere eseguita ogni volta che vengono rimossi DPI come guanti. Il materiale di scarto prodotto durante la pulizia deve essere collocato nei rifiuti indifferenziati. Dopo ogni singola operazione i collaboratori scolastici cambieranno i guanti dopo aver igienizzato le mani.

I collaboratori scolastici avranno il compito, inoltre:

  • di verificare che i dispenser di materiali disinfettanti per detersione mani dislocati nell’edificio siano sempre riforniti della soluzione idroalcolica;
  • di pulire bagni, corridoi, tavoli, scrivanie, sedie, ecc… prima dell’inizio della sessione d’esame e dopo (quindi ogni giorno almeno 2 volte al giorno);
  • di vigilare che nei bagni entri una sola persona per volta;
  • di pulire i bagni dopo ogni uso;
  • di preparare le sedie necessarie ai candidati del giorno (due per ogni candidato: una per lui e una per l’eventuale accompagnatore) e di disporle così che i candidati e gli accompagnatori possano prelevarle autonomamente, senza confonderle con quelle usate da chi li ha preceduti. Le sedie verranno igienizzate a fine seduta, ogni giorno.

I collaboratori scolastici hanno il compito di far accedere alle zone assegnate a ogni commissione solamente i membri della commissione, gli studenti delle classi assegnate a quella commissione e gli eventuali accompagnatori degli studenti (uno per studente). Non dovrà essere fatto entrare nessuno che non indossi la mascherina. Hanno il compito di far evitare assembramenti e di far entrare solamente studenti e accompagnatori impegnati nel colloquio secondo orari scaglionati. Hanno il compito di far rispettare i percorsi di entrata e di uscita individuati per ogni commissione, in modo da prevenire il rischio di interferenza tra i flussi in ingresso e in uscita, mantenendo ingressi e uscite aperti.

I collaboratori scolastici dovranno disporre banchi/tavoli e posti a sedere destinati alla commissione con un distanziamento – anche in considerazione dello spazio di movimento – non inferiore a 2 metri; anche per il candidato dovrà essere assicurato un distanziamento non inferiore a 2 metri (compreso lo spazio di movimento) dal componente della commissione più vicino. Le stesse misure minime di distanziamento dovranno essere assicurate anche per l’eventuale accompagnatore.

Qualora qualcuno degli autorizzati a stare nell’edificio volesse sottoporsi a misurazione della temperatura, i collaboratori faranno intervenire l’addetto che procederà al rilevamento della temperatura corporea del soggetto.

I distributori di merende e acqua non dovranno essere attivati.

Dovrà essere garantito un ricambio d’aria regolare e sufficiente nel locale di espletamento della prova tenendo sempre aperte le porte e le finestre. Non dovranno essere utilizzati condizionatori e/o ventilatori

Commissari e Presidenti

Si procederà alla misurazione della temperatura corporea, ad ogni commissario e presidente, all’ingresso dell’Istituto mediante termo scanner da parte del personale addetto a tale operazione.

Il primo giorno di riunione della commissione, commissari e presidente dovranno consegnare:

  • Autocertificazione di non quarantena o isolamento negli ultimi 14 giorni;
  • Autocertificazione della assenza di sintomi febbrili nella mattinata dell’esame o nei giorni precedenti;
  • Autocertificazione di non essere stato a contatto con persone positive, per quanto di loro conoscenza, negli ultimi 14 giorni;
  • Autodichiarazione di non appartenere alla categoria di lavoratori fragili.

Nel caso in cui la sintomatologia respiratoria o febbrile si manifesti successivamente al conferimento dell’incarico, il commissario non dovrà presentarsi per l’effettuazione dell’esame, comunicando tempestivamente la condizione al Presidente della commissione al fine di avviare le procedute di sostituzione nelle forme previste dall’ordinanza ministeriale ovvero dalle norme generali vigenti.

Per accedere ed uscire dagli spazi appositamente predisposti, tutti i componenti delle commissioni utilizzeranno un ingresso che dovrà essere utilizzato anche da ciascun candidato assegnato. Ogni commissione avrà un bagno assegnato. I bagni possono essere usati da una sola persona per volta. Qualora i commissari o il Presidente dovessero recarsi presso gli uffici didattici e/o amministrativi, dovranno seguire i percorsi indicati.

Ogni commissario e il Presidente utilizzerà esclusivamente un banco e una sedia, sempre lo stesso per tutta la durata degli esami. Dovrà rispettare la distanza di due metri da qualsiasi persona presente nell’edificio e nello spazio in cui avvengono i colloqui. Per nessun motivo tale distanza sarà ridotta. Dovrà utilizzare DPI respiratori per tutta la durata degli esami. Il DPI verrà fornito, secondo quanto stabilito nel protocollo d’intesa con le OO.SS e la R.S.U, dalla scuola e non andrà mai tolto durante la sessione. Dovrà igienizzare le mani entrando nell’edificio e poi almeno una volta ogni ora. I device assegnati alla commissione dovranno essere utilizzati sempre dallo stesso componente della commissione. Qualora i commissari e il presidente dovessero maneggiare documenti cartacei, dovranno utilizzare i guanti; dopo la consultazione dei documenti i guanti andranno tolti immediatamente e gettati nell’apposito contenitore, le mani andranno subito igienizzate.

La commissione organizzerà un calendario di convocazione scaglionato dei candidati, suggerendo, qualora possibile, l’utilizzo del mezzo proprio. Il calendario di convocazione dovrà essere comunicato preventivamente sul sito della scuola e con mail al candidato tramite registro elettronico con verifica telefonica dell’avvenuta ricezione.

Candidati

Ogni candidato potrà essere eventualmente accompagnato da una sola persona. Si consiglia l’uso del mezzo proprio per raggiungere la sede d’esame. I candidati e i loro eventuali accompagnatori non dovranno creare assembramenti all’esterno dell’edificio. Accederanno all’Istituto non più di 15 minuti prima dell’inizio del colloquio, utilizzando esclusivamente la porta di accesso indicata.

All’accesso i candidati e i loro accompagnatori dovranno fornire:

  • Autocertificazione di non quarantena o isolamento negli ultimi 14 giorni;
  • Autocertificazione della assenza di sintomi febbrili nella mattinata dell’esame o precedentemente;
  • Autocertificazione di non essere stato a contatto con persone positive, per quanto di loro conoscenza, negli ultimi 14 giorni;
  • Autodichiarazione di non appartenere alla categoria di lavoratori fragili.

Nel caso in cui per il candidato sussista una delle condizioni sopra riportate, lo stesso non dovrà presentarsi per l’effettuazione dell’esame, producendo tempestivamente la relativa certificazione medica al fine di consentire alla commissione la programmazione di una sessione di recupero nelle forme previste dall’ordinanza ministeriale ovvero dalle norme generali vigenti.

Si procederà alla misurazione della temperatura all’ingresso dell’Istituto, sia ai candidati che agli accompagnatori.

Dovranno portare con sé l’acqua, se riterranno di averne necessità: i distributori della scuola sono stati disattivati.

Dovranno indossare la mascherina obbligatoriamente e non dovranno toglierla mai fino a che saranno nell’edificio scolastico. La mascherina dovrà essere chirurgica o di comunità, di propria dotazione; si definiscono mascherine di comunità “mascherine monouso o mascherine lavabili, anche auto- prodotte, in materiali multistrato idonei a fornire un’adeguata barriera e, al contempo, che garantiscano comfort e respirabilità, forma e aderenza adeguate che permettano di coprire dal mento al di sopra del naso”.

Al momento dell’accesso dovranno igienizzare le mani dai dispencer appositi. Entrando nell’aula predisposta per il colloquio, dovranno prendere autonomamente una delle sedie preparate dai collaboratori scolastici, già igienizzate, e dovranno usare solamente quella per sedersi. Davanti all’accompagnatore non sarà posto il banco. Dovranno essere sempre ad almeno a due metri di distanza da chiunque sia in loro prossimità.

Nel caso il candidato voglia utilizzare un power point (o altro materiale multimediale) durante il colloquio, dovrà memorizzarlo su chiavetta usb e consegnarlo al commissario individuato per l’utilizzo del pc (segretario). Il commissario indosserà i guanti per maneggiare la chiavetta. Al termine del colloquio, dopo aver riconsegnato la chiavetta al candidato, il commissario toglierà i guanti, gettandoli nel contenitore dell’indifferenziata, e si igienizzerà le mani. Anche il candidato, uscendo dall’aula, igienizzerà le mani.

Il candidato e/o il suo accompagnatore potranno usare esclusivamente il bagno assegnato alla loro commissione; in questo caso, prima di entrare in aula, dovranno igienizzare di nuovo le mani. Nei bagni può entrare una sola persona per volta.

Al termine del colloquio dovranno lasciare immediatamente l’edificio e non sostare all’esterno. Allo stesso modo gli eventuali accompagnatori.

Indicazioni per i candidati con disabilità

Qualora la commissione consenta la presenza di eventuali assistenti anche loro dovranno rispettare tutte le indicazioni e le prescrizioni fornite per i membri della commissione.

Per gli studenti con disabilità certificata il Consiglio di Classe, tenuto conto delle specificità dell’alunno e del PEI, ha la facoltà di esonerare lo studente dall’effettuazione della prova di esame in presenza, stabilendo la modalità in video conferenza come alternativa.

Ambiente dedicato all’accoglienza e all’isolamento

E’ previsto un ambiente dedicato all’accoglienza e isolamento di eventuali soggetti (candidati, componenti della commissione, altro personale scolastico) che dovessero manifestare una sintomatologia respiratoria e febbre. In tale evenienza il soggetto verrà immediatamente condotto nel predetto locale in attesa dell’arrivo dell’assistenza necessaria attivata secondo le indicazioni dell’autorità sanitaria locale. La persona verrà dotata immediatamente di mascherina chirurgica qualora dotata di mascherina di comunità.

Delle misure di prevenzione e protezione di cui al presente documento il Dirigente Scolastico assicurerà adeguata comunicazione efficace alle famiglie, agli studenti, ai componenti delle commissioni, sia on line (sito web scuola) sia tramite affissione all’ingresso della scuola e nei principali ambienti di svolgimento dell’Esame di Stato.

È importante sottolineare che, oltre alle misure di prevenzione collettive e individuali messe in atto nel contesto scolastico, c’è bisogno anche di una collaborazione attiva di studenti e famiglie, di commissari e presidenti, del personale tutto, che dovranno continuare a mettere in pratica i comportamenti generali previsti per il contrasto alla diffusione dell’epidemia, nel contesto di una responsabilità condivisa e collettiva, nella consapevolezza che la possibilità di contagio da SARS CoV-2 rappresenta un rischio ubiquitario per la popolazione. Le misure previste a scuola, infatti, qualora non accompagnate dai comportamenti generali previsti per il contrasto alla diffusione dell’epidemia messi in atto da ciascun candidato, commissario, presidente, membro del personale, risulterebbero insufficienti alla protezione/prevenzione.

Il Dirigente scolastico

 Prof. Giuseppe Fioresta




العربية简体中文EnglishFrançaisDeutschItalianoPortuguêsРусскийEspañol